INFOS

GIANORSO ego sum :

I am a photographer, living in Rome, passionately obsessed by Classical Art which, somehow and somewhat, has influenced my vision and my attitude in taking portraits of men with generous curvy bodies.

Some of my photos have been featured in several international male photography magazines: Mascular (UK), Men Addicted (France), Beef (USA), Pride (Italy), Euro Bear (Germany), Kerle (Germany), AUT (Italy), Torazine (Italy); and have been exposed in collective and personal exhibitions (Rome - “Visioni senza filtro”, “Hairy”, “Cibo x Orsi-Food 4 Bears”,  Milan – “Portraits ofmodern Gentlemen”, Bologna – “American Beauty”, Bruxelles – “the BEARable lightness of being”, Palermo - “Works”).

It has been a great honor being one of the 52 artists, from all over the world, selected for the book “FUR the love of Hair”.

To know more about me and my photography, please read below the interview taken by Fabrizio Giuffrida some time ago.

GIANORSO ego sum :

Sono un fotografo romano,  appassionato/ossessionato dall'Arte Classica che, in qualche modo e maniera, ha influenzato la mia visione e la mia attitudine nello scattare ritratti di uomini con curve generose.

Ho collaborato con varie riviste riviste estere: Mascular (UK), Men Addicted (France), Beef (USA), Pride (Italy), Euro Bear (Germany), Kerle (Germany), AUT (Italy), Torazine (Italy); ho esposto a Roma - (Visioni senza filtro, Hairy, Cibo x Orsi-Food 4 Bears),  Milano - (Portraits of modern Gentlemen), Bologna - (American Beauty), Bruxelles -  (the BEARable lightness of being), Palermo - (Works).

Ho fatto parte del gruppo di 52 artisti da tutto il mondo per il libro fotografico “FUR the love of Hair”.

Per sapere altro di me e della mia fotografia, per favore leggete qui sotto l’intervista che mi ha fatto Fabrizio Giuffrida tempo fa.

Exhibitions:

  • "Falloween /show us your dick" - photos by GianOrso & Pan Eros - november 2016 - Company Club (Rome)
  • “Visioni senza filtro (free mind in free body)” (collective) - april 2016 - Quirinetta (Rome).
  • "Falloween / show me your dick" - photos by GianOrso & Pan Eros - november 2015 - Company Club (Rome).
  • "Hairy Uncensored" (collective) - june2015 - Company Club (Rome).
  • "Hairy" (collective) - June 2015 - CaffèOppio (Rome).
  • “American Beauty” - November 2009 – Cassero“Heavy Fat Party” (Bologna) during the “Gender Bender”festival.
  • “Portraits of Modern Gentlemen” - June 2009 –Loft 21 (Milan).
  • “The BEARable lightness of being” - May 2006 –Cinema Nova (Bruxelles) during the “Pink Screen #5 AlternativeGender Film Festival.
  • ”“Cibo X Orsi – Food 4 Bears” - September 2002– Bookshop Babele (Rome).
  • “Works” - February/March 2002 – Bookshop AltroQuando (Palermo).

Books:

"FUR the Love of Hair"

by Ron J. Suresha & Scott McGillivray

Bruno Gmünder Verlag • Available everywhere May 8, 2012 Hardbound • 256 pp. • 8.25 x 11.5 inches - ISBN-10: 3-86787-242-2 • ISBN-13: 978-3-86787-242-3

Categories: Gay Erotica / Art / Men's Studies

To order, and for more information, go to

www.BrunoGmuender.com

www.TLABooks.com

How photography saved my life

GianOrso interviewed by Fabrizio Giuffrida

(English version edited by Vincent Keith)

It’s a nice spring afternoon.
Two good friends sit drinking coffee.

They discuss their common interest in photography.


How did you start with photography?

I have been drawing ever since I can remember. I was in love with Michelangelo, Bernini - in Rome you can see their works everywhere - I was in love with the statue of the “Ganges River” in Piazza Navona [one of the statues of the Fountain of Four Rivers in Piazza Navona, a Bernini’s masterpiece], and at school I started drawing more seriously. I have always loved advertisements and graphics, so when I finished secondary school I wanted to go to the art college. My parents didn't like that idea very much, so instead I wound up studying accounting and business administration; but alone in my bedroom I continued to draw, and to read books about the art of drawing. Around the time I was 15, I started buying American porn magazines and copying the models and poses featured in their pages.

It wasn’t long before I was interested in doing more than simply copying the images, so I bought my first camera and started to take my own photos. This happened at the beginning of the '80's, at a time when I was totally addicted to fashion photography. Mapplethorpe was everywhere in magazines and art shows with his enchanting, disturbing black and white portraits; and of course there were Newton, Ritts, Avedon.

I would buy fashion magazines, tear out the pages with the most interesting photos and add them to my growing collection.

I still have a lot of those magazine clippings, many that feature some amazing and adventurous photography, little to none of which has been featured in proper photo books. By observing and studying these photos I started feeling the desire to create something original, to experiment with image making, and I began with little steps. I started by finding and reading photography books that focused on the technical elements of the art form. Then I spent time walking around Rome photographing statues at different times of the day, with different lenses, all the while writing technical notes on all the photos I was taking in a small book (EXIF data was years from being created!). The advantage of taking pictures of statues is that they never get bored however much time you need to take nice photos of them.

When I felt more confident in my technical skills I started asking my friends to pose for me. To begin with, it was hard going - I was pretty much always turned down. Things changed in the winter of 1985, when my friend Michele accepted, and I finally had the chance to take portraits of a human being instead of statues.

When I look at those early photos of Michele today I can clearly see mistakes, it was, after all, my first experience in taking portraits, but I feel a strong affection for them because they remind me of my desire to take photos and they remind me of my friend Michele, who died a few years later. He was a very handsome, big, tall man. I still remember his beautiful big hands, his booming loud voice and his great sense of humor.

Michele was the first to believe in my potential as a photographer. Recently I “thanked” him on my Flickr gallery, because I had never had the occasion to do it before. Even now, when I am taking pictures or when I am all alone editing the photos on my computer, I wonder what Michele would think of my work, what he would say about the thousands of portraits and the nudes, after all these years of experience, especially now that I have my own website...


Let's talk about your website, www.gianorso.com.

When did you start it and why?

Do you have many visitors?

The website was created in 2004, but it did not go online until October the 20th 2005.

I started it because I wanted to show my works without any censorship or mediation. For the very first time I felt the need to do it personally and directly.

So I bought my own domain, I looked for some software to create galleries in flash and thanks to the patience of my then webmaster ZippOrso, the first version of the site was built. I check the statistics of the site often, and apart from the big number of European and American visitors I've been nicely surprised by the strong interest by Japanese visitors.

The daily traffic is about 1,000–1,500 visits, but it rises to more than 4,000 when I change the galleries or when some other site publishes an article about my work and puts a link to my website.

As I've said before, the website’s principal function is to show my work simply.

It's my personal art gallery, where I can put the shots I love, without having to bow to commercial pressures, or god-knows-what goals, and especially with no censorship.

Quite often I wonder if all the time I spend taking photos, editing them, studying the best poses, undertaking artistic research and finding citations, isn’t simply a game in my head, and that in fact, people really don't care about all that and are only interested in the immediate gratification of seeing nude bodies?

Then from time to time I receive an e-mail from someone who discovered my website by chance and who not only appreciates the artistic side of my work, but also tells me it has helped them in changing the way they look at themselves. Through my photography they manage to move beyond years of struggling with a bad body image and choosing to hide their bodies from public view. These e-mails mean a lot to me. They incite me to go further and create even more and better work.

The process of making photo galleries depends on the number and quality of images I have taken and edited in the previous months. Originally, I had hoped to change the galleries every month, but I soon realized it was an impossible task, furthermore, I came to understand that the pictures needed more time to be seen.

Now, the galleries change every six, seven months. This gives me enough time to keep the standard very high and to devote enough time to editing my shoots. Usually there are two or three galleries dedicated to models, one to portraits, one to couples and one to urban and natural landscapes – a category that had not been planned in the beginning and that is constantly evolving.


On your website, in the “Portraits of Modern Gentlemen” gallery, you talk about a “specific male typology that is my object of desire”. Looking at your photos one can see a large number of models with different ages, body shapes and degrees of self-confidence in front of the camera.

What do you mean by “male typology”?

How do you define it?

I think I made that statement at the time I was first creating the website. I suppose I was looking for a “manifesto” for my photographic subject. “The male typology that is my object of desire” referred to big, burly men, with blue eyes, red beards and blond or red hair. Something like a Viking-Scottish-Irish giant! Of course it’s just a projection of my own personal desires, though its a “projection” that I've never actually met in real life. Ever since I was a kid I've been attracted by a “typology” or type of man that does not adhere to the “usual” or popular concept of handsomeness. My eye was caught by big men rather than by slim guys, even if I was aware that the latter were considered by the majority as handsome while the ones I liked weren’t. Another important detail in my formation is that ever since I can remember, I have been fascinated by art books and photography. I remember when I was six or seven years old I was offered a book about the Vatican and the Sistine Chapel frescoes, with detailed photos of the big bodies painted by Michelangelo and even all his studies about male forms. Even then, I was attracted to the big bodies; I was enchanted by the sensual hyperbolic bodies of Rubens, Giambologna and Canova, artists that have portrayed big, magnificent men that were far from the present concept of male beauty imposed by the world’s media. Johnny Depp, Brad Pitt, Hugh Jackman represent the popular ideal male beauty today, and while I like them for what they are, I have absolutely no interest in taking photos of them. I remember when I was in my early 20s, I was talking with some guys about the kind of men we liked. I have been the standing joke for years because unlike them, I fancied John Goodman and not Tom Cruise.


This means that your photography is in fact a transposition of your desire?

Absolutely! My desires, my interests, my likes, my ideals all influence my photography.

It’s true that there are some physical details that catch my attention immediately: faces, legs, body shape, and there are some people that make me want to take photos of them instinctively. But after talking with them my interest disappears. For that reason, I can say that my photography is similar to my sexual desire. Conversely, I've experienced the situation of taking photos of men that were really handsome in the flesh but, in front of the camera, proved to be very different from what I had expected.


What inspired you to start taking photos of nude men?

The American magazine “Colt” was my personal bible.

While I was aware that the kind of hyper-muscled, glamorous men they used to feature in their pages were absolutely far from reality, the quality of the photos of Jim French, the guy that created the Colt style, was breathtaking. It’s still being copied today by a number of photographers. The poses, the perspectives, the editing are still in my head as personal references.

My second obsession was the American porn magazine “Drummer.” It featured another intriguing, teasing typology of men that conquered my heart and head. Last, but not least, discovering the great art of Mapplethorpe, with his extreme black and whites, and his ability to turn situations that could be seen as extremely violent into aesthetically artistic shots. One of his photos that I still consider to be striking and extremely modern is the portrait of two big bearded men, one tied up head upside down, his partner holding his balls firmly, both staring at the camera [“Elliot and Dominick, 1979”, in Robert Mapplethorpe, Ten by Ten p. 11, Schirmer and Mosel, Munich 1988]. It's a beautiful, disturbing, and anything-but-dull portrait.

I remember people running away from a great retrospective dedicated to his work in Venice some years ago - his photos show an aesthetic and a sexuality that not everybody is willing to see and accept.


Is it difficult to find models?

As I told you before, when I started to take photos and asked people to model for me, they always said no. I recognize that people often have a very bad relationship with photography and with the idea of posing in front of a camera for a photo that is not the usual holiday shot. It’s been said that some Native American cultures refused to have their portraits taken, because they believed that cameras stole their souls. In some ways, I think there may be some truth to this view. Some portraits I've taken show the subject’s personality more than words alone could possibly tell. Anyway, things started changing when I could show prospective models my work and people then realized that I wasn't looking to make some cheap porn catalogue, but that I was undertaking a personal exploration into aspects of male beauty.

I started with my friends, then friends of friends, then my friends’ lovers, and so on.

Today I even use web chats to contact possible models, with different results depending on people's availability and seriousness.


You stated that your models “have in common their being “different” from the dominant aesthetic concept of male beauty”. Could this be considered as a criteria you follow when taking photos?

Along the years I had the chance to take photos of an incredible variety of bodies, faces, hands, expressions, gestures, that all have in common their being “different” from the dominant concept of aesthetic male beauty. This is my starting point, the will and objective to show to the world that men who are so often treated so badly by the media have a sensuality that is equal, if not superior, to all the models we get shown on TV, in movies and in ads.

I stand against what is “usual”. Instead, I continue to fight my personal war for big men’s beauty.


When I asked you about the male typology you never mentioned “bears”.

Why?

Would you accept “photographer of bears” as a definition?

I find “photographer of bears” is a rather strict definition. I do not repudiate anything, but I think I have gone well beyond that. I have shown I have a wider concept of male typology. I really like big men, but there are some husky guys that I find extremely attractive. I have personal preferences, of course: you know already of my partiality for red men with pale skin, I am crazy for the American guys, I am enchanted by the fascinating Spanish guys and the handsome north Europeans, as much as I am struck by the mesmerizing beauty of Black men and the elegant sensuality of Oriental guys.

The concept of “Bear” was very interesting at the beginning, when it started as reaction to the gay stereotypes of the 80's.

I remember how my hands trembled when I got my first copy of Bear Magazine featuring the first photos of Jack Radcliffe. But after many years and many personal relationships with bear groups here in Italy, I have lost any interest in those labels and that identity. That's why I never refer to my men as bears, chubbies or whatever, because I hate labeling anyone. I just take photos of people.


How are your personal relationships with your models?

You have no idea of how difficult my models can be!

My personal appreciation for their faces and bodies usually clashes with their own conviction of being ugly and useless. I have rarely met guys that had a good relationship with their bodies.

Most of the guys would love to be completely different. I remember a cute furry, dark haired young cub that came for a photo session with a picture of Cameron Diaz in his hands. He asked me: “Please make me look like her!”. I answered that even Photoshop has its limits!

I try to talk to my models a lot before the photo shoot, and hope to work through possible problems such as “my bf doesn't want me to pose” or “I look so terribly ugly”. Now I usually introduce myself by showing my website and asking the guys if they might be interested in posing for me. If they are not... ok, never mind. Maybe next time, maybe never. One thing really makes me mad though: people who write me offering themselves as models, making me organize everything, and then the day we fixed for the session, they disappear without calling or sending any message to inform me.

I keep on hoping one day I will meet a bunch of exhibitionist big men that will pose with no problems and troubles! Another big problem relates to the fact they are not professional models, so a lot of guys, when they get in front of the camera, simply... freeze, turn into a big piece of wood! It takes patience, a lot of talking, music, and jokes to make them relax and finally have fun with the session.


How important is Photoshop in your images? How do you use it?

Photoshop helps me in editing the RAW files to get the maximum quality.

I use it to take off pimples, little scars or skin imperfections, but never, never to drastically change colors or body shapes. Obviously, it is also useful when converting color photos into black and white or duotone images.


Where do you take photos?

Do you have a studio?

My studio is usually... my living room!

Along the years I have bought equipment that can turn my living room in a professional photo-studio.

I use it mostly during winter. When the weather permits, I prefer to take photos using natural light. Even if it's not so easy to find quiet places where you can take pictures of nude men.


How do you work with natural light?

What are your technical solutions?

When I take photos outdoors or on beaches I prefer to shoot towards the end of the afternoon, when the sun is lower on the horizon, and light is oblique and brilliant. I generally avoid taking photos in midday hours, light is too strong and it makes models close their eyes. When it is possible I ask some friends to help me with the reflecting panels.


How do you create your compositions?

Do you follow any rules?

No, I do not follow any particular rule. I have several ideas and possible poses in mind when I organize the sessions, and sometimes models have troubles in achieving them. I can be influenced by other photos, or by masterpieces of art (I have often used the pose of the “Amor profano” by Caravaggio, or the “Thinker” from Rodin). I usually use neutral colors as a background to the models, so that viewers can concentrate more on the subject than to the surroundings.


Now tell us the most strange or shocking thing that happened to you while taking photos.

It’s not easy to shock me.

Strange... well... there was this guy from Spain who offered to pose for me during his holiday in Rome. He sent me some photos, forgetting to tell me that they were 15-20 years old. So when I opened the door I found in front of me the pale remains of what he had once been. I tried to take pictures anyway, but the results were disastrous!


Do you have any contacts with other photographers specialized in male nudes? What do they think of your work?

I have daily contacts with photographers worldwide through www.flickr.com, especially those who specialize in similar subjects.

You should ask them what they think of my work [laughs].

Personally I find there is a very interesting exchange of ideas, suggestions and points of view.

And with some of them good friendships are developing.


Is it possible to buy your photos?

Do you plan to publish a book of your works?

No, for the time being, my photos are not for sale. I haven't even thought about it, even if some people seem convinced I am getting rich from selling photos on the web! Maybe some day I will do it, maybe not, I don’t know.

Making a book is an idea I’ve cherished from a long time. I’ve considered the self-publishing route with printing services like blurb.com, but haven’t taken any steps in that direction. Maybe after my next show some world-famous publisher will offer to publish me! [laughs].

Well, I can dream can’t I!

Come la fotografia mi ha salvato la vita


Metti un pomeriggio di primavera.

Metti due amici davanti a un caffè.

Metti la voglia di parlare di fotografia.

Ecco cosa ne è uscito fuori.


Come hai iniziato a fare fotografia?

Per tanti anni ho disegnato.

Innamorato di Michelangelo, di Bernini - e a Roma come ti giri vedi loro opere –

innamorato del “Gange” di piazza Navona [NdR: una delle statue della Fontana dei Quattro Fiumi, opera appunto di Bernini], quando andavo a scuola ho iniziato a disegnare.

A me sono sempre piaciute la pubblicità e la grafica, e quindi finite le medie sarei voluto andare in un liceo artistico.

I miei invece non hanno voluto, e alla fine ho fatto studi di ragioneria;

ho però continuato a comprare libri di disegno e a disegnare.

In seguito ho iniziato a comprare le riviste porno americane e a ridisegnare i modelli che vedevo nelle foto.

A un certo punto però non mi interessava più copiare, ed è così che ho comprato una macchina fotografica e ho iniziato a scattare.

Erano gli anni ’80, ero ubriaco di foto di moda.

Mapplethorpe era esploso dappertutto, c’era il suo bianco e nero...

c’era Newton, c’era Ritts, c’era Avedon.

Io compravo riviste di moda e strappavo le pagine che mi interessavano per conservarle.

Ancora oggi ho dei servizi bellissimi di questi fotografi che non trovi nei libri, perché non tutto quello che esce sui giornali viene poi raccolto.

Io le conservo gelosamente.

Vedendo queste foto mi è venuta voglia di creare, di sperimentare.

Ho cominciato con piccoli passi.

La cosa più classica che ho fatto è stata seguire i consigli tecnici di libri sulla fotografia e poi andare a fotografare le statue di Roma.

Il vantaggio delle statue è che hanno pazienza, si fanno fare di tutto, non si stancano.

Poi ho iniziato a chiedere agli amici se volevano farsi fotografare e ottenevo sempre risposte negative.

Un giorno però, per fortuna, il mio amico Michele, a cui devo veramente tantissimo, mi disse di sì, e così potei finalmente fare delle foto vere.

Era l’inverno del 1985.

Oggi quelle foto hanno soprattutto un interesse affettivo per me, perché mi parlano della mia voglia di fare foto, mi ricordano questo amico che oggi non c’è più.

Era un uomo bellissimo, il mio ideale: un omone alto, con le mani grosse, divertentissimo.

Lui si fece fotografare, ed è stato forse il primo che ha creduto in me e nelle mie possibilità.

A distanza di tanti anni, nel mio spazio su Flickr gli ho fatto un ringraziamento, perché non avevo avuto la possibilità di farlo prima della sua scomparsa.

Ancora oggi quando fotografo o lavoro sulle foto, mi capita di pensare: chissà se a Michele questa sarebbe piaciuta, chissà cosa avrebbe detto oggi che ho fatto tante cose, che c’è il sito...


Parlaci un poco del tuo sito, www.gianorso.com,

quando nasce, e perché?

Hai molti visitatori?

Il sito è nato nel 2004, ma fino all'ottobre 2005, data della messa in linea delle prime gallerie, non aveva avuto alcun movimento.

L'idea è nata dalla volontà di mostrare le mie foto senza nessuna censura o mediazione da parte di altri.

Per la prima volta sentivo la necessità di mettermi in gioco personalmente e direttamente.

Così ho comprato il mio dominio, cercato qualche software di generazione di gallerie in flash, e con la pazienza dell'allora webmaster ZippOrso, è stato costruito il sito nella sua prima versione.

Controllo spesso le statistiche di chi lo visita e ho scoperto che, a parte il grande traffico di americani ed europei vari, grandi visitatori del mio sito sono i giapponesi.

È stata una piacevole sorpresa!

Comunque il traffico di visitatori è di circa 1.000, 1.500 contatti al giorno, con punte di 4.000 quando cambiano le gallerie o quando qualche sito mi dedica magari un articolo ed inserisce il link al mio sito.

Il sito ha principalmente la funzione di mostrare i miei lavori, tout court.

È la mia personale “galleria d'arte”, dove posso mettere i lavori che amo, senza dover seguire nessuna strategia commerciale, senza inseguire chissà quali mete, e soprattutto senza censure. Spesso mi chiedo se tutto il mio “sbattimento” tra fare le foto, l'editing, il cercare le pose migliori, i rimandi artistici vari, alla fine sia solo un gioco nella mia testa, che alla maggior parte delle persone non interessa se non nella fruizione immediata della nudità dei corpi e basta.

Ma poi, di tanto in tanto, ricevo anche mail da parte di persone che hanno scoperto il mio sito per caso e che, oltre ad apprezzare il lato artistico, hanno avuto una personale rivalutazione di sé stessi, dopo anni di pessimi rapporti con il proprio fisico, mortificato e nascosto il più possibile.

Queste mail mi danno la forza di fare sempre meglio, sempre di più.

Le gallerie nascono di volta in volta, a seconda delle foto che ho scattato nei mesi precedenti. L’idea originaria era quella di cambiarle ogni mese.

Ma già dopo la seconda o la terza volta, ho capito che era impossibile e soprattutto inutile alla fruizione e alla visione delle foto.

Attualmente le gallerie cambiano ogni sei o sette mesi, in modo da darmi il tempo di effettuare l’editing delle foto nel migliore dei modi.

In generale sul sito ci sono due o tre gallerie dedicate ai modelli, una dedicata ai ritratti, una alle foto di coppia e una, che è nata per caso ma che si sta evolvendo continuamente, dedicata a foto di paesaggi naturali e urbani.


A proposito del sito, nel testo che appare nella galleria “Portraits of Modern Gentlemen” parli di una “specifica tipologia maschile che da sempre è il mio oggetto del desiderio”.

Guardando le tue foto si vedono modelli molto diversi per età, corporatura e grado di disinvoltura di fronte all'obiettivo.

Cosa intendi per tipologia maschile?

Come la definisci?

Credo che questa mia affermazione sia molto legata al momento in cui stavo creando la pagina web e cercavo di trovare un “manifesto/affermazione” del mio soggetto fotografico.

La “tipologia maschile/oggetto del mio desiderio” è sicuramente riferita a uomini di corporatura robusta, anche molto robusta, con occhi chiari, barba rossa, capelli rosso/biondo.

Insomma dei vikinghi-scozzesi-irlandesi.

Un frutto della proiezione dei miei desideri che difficilmente ho poi incontrato nella vita reale.

Fin da ragazzino sono stato attratto da un certo tipo di uomo, che non è il “bello” usuale.

Guardavo le persone grosse e non quelle magre, anche se poi mi rendevo conto che queste ultime venivano definite belle e le altre no.

Poi considera che fin da bambino sono stato affascinato dalla fotografia, dai libri d’arte.

A 6-7 anni mi regalarono un libro sul Vaticano e la Cappella Sistina, con tutti questi corpi nudi e c’erano anche le sculture di Michelangelo.

Sono stato MOLTO attratto da questa tipologia, dove la forma del corpo è molto più espansa, non è quella solita del nudo maschile.

Poi crescendo venni a contatto con altri modi di rappresentare l’uomo.

Sono stato subito affascinato dalle sensuali forme iperboliche di Rubens, di Giambologna, di Canova, da tutta una serie di artisti che raffiguravano questo uomo magnifico, imponente, questo essere che andava al di là del concetto di “bello” veicolato dai media, dalla fotografia, dal cinema. Oggi ci sono attori come Johnny Depp, Hugh Jackman... che rappresentano l’ideale estetico.

Io li trovo anche belli, li guardo con piacere, però non rappresentano il mio tipo.

Ricordo a 19-20 anni, quando cercavo di spiegare il mio tipo ideale ai miei amici: come fai a spiegare a uno che ti dice che il suo “mito” è Tom Cruise che il mio è invece John Goodman?

Ai miei amici piacevano questi tipi tutti muscolosi, a me il cantante del Banco del Mutuo Soccorso, Francesco di Giacomo.

Insomma due scuole di pensiero decisamente lontane.


Quindi la tua fotografia nasce come trasposizione del desiderio?

Si, la mia fotografia è proprio la trasposizione del mio interesse, del mio desiderio, del mio ideale, che ovviamente non è proprio reale, l’ideale te lo costruisci tu.

Però ci sono oggettivamente dei particolari fisici che mi interessano molto, ad esempio il viso, le gambe, la corporatura.

Ci sono persone che mi piacciono subito, d’istinto, e poi invece conoscendole, parlandoci o pensando di fargli delle foto perdo tutto l’interesse.

In questo l’interesse fotografico è del tutto simile al desiderio.

Così come mi è capitato di fotografare delle persone che mi piacevano moltissimo ma che poi non erano assolutamente all’altezza delle mie fantasie e delle mie aspettative.


A cosa ti sei ispirato per iniziare a fare foto di nudo?

La rivista Colt, per me è stata la Bibbia.

Pur rendendomi conto che quella tipologia era assurda e inesistente, perché c’erano tutti questi modelli iper-muscolosi, strepitosi, patinati.

Però la fotografia di colui che poi ha “inventato” lo stile Colt, Jim French, ha rappresentato un ideale maschile che ancora oggi viene copiato.

Mi piacevano le pose, mi piaceva il taglio delle foto.

La mia seconda “ossessione” sono state le riviste porno americane tipo Drummer, nella quale vedevo una certa tipologia maschile che qui da noi non c’era.

Poi c’è stato l’incontro di Mapplethorpe, con i suoi bianchi e neri estremi, con le sue rappresentazioni, la sua capacità di estetizzare situazioni che potevano essere viste da fuori come di estrema violenza, rendendole immagini da museo.

Ancora oggi penso all’estrema modernità della foto di due uomini barbuti e pelosi, di cui uno è legato a testa in giù mentre l’altro gli stringe i testicoli [NdR: “Elliot and Dominick, 1979”, in Robert Mapplethorpe, Ten by Ten p. 11, Schirmer and Mosel, Monaco 1988].

E’ una foto che io trovo bellissima, disturbante e proprio per questo non banale.

Ho visto gente a Venezia che scappava dalla mostra di Mapplethorpe a Palazzo Fortuny!

Perché comunque ti mette di fronte a un tipo di estetica, di sessualità che non tutti sono disposti a vedere, e tanto meno ad accettare.


È difficile trovare dei modelli?

Come ti ho accennato all’inizio quando ho deciso di iniziare a fare foto tutti mi dicevano di no,

Io credo che le persone hanno sempre un rifiuto, una paura di mettersi davanti a una macchina fotografica, specie quando non è la foto fatta a una festa o per strada, oppure la foto ricordo di un viaggio.

Ho anche capito gli indiani d’America, che avevano il terrore di farsi fotografare perché dicevano che la macchina fotografica ti ruba l’anima.

È vero, la macchina fotografica ti può rubare l'anima, può entrare dentro di te.

Quindi gli inizi non sono stati affatto facili,

Ma quando in seguito ho avuto la possibilità di mostrare i risultati, quando sono riuscito a far capire alla gente che non cercavo di fare un catalogo porno-cheap, ma che nei miei ritratti cerco l’incontro tra il mio modo di fare fotografia e la persona che ho di fronte, esaltandone quegli aspetti solitamente nascosti e negati, è stato più facile trovare modelli disponibili.

I primi soggetti sono stati amici, poi amici di amici, fidanzati di amici, ecc.

Oggi utilizzo anche il web e la chat per avvicinare possibili modelli, con risultati variabili a seconda della loro disponibilità e serietà.


Hai detto che i tuoi soggetti “hanno come punto comune l'essere ‘diversi’ dall'estetica dominante”.

Fino a che punto questo è un criterio costitutivo del tuo fare fotografia?

Come hai notato anche tu, negli anni ho avuto l'occasione, e la fortuna, di poter fotografare una varietà di corpi, volti, mani, espressioni, gesti, che comunque hanno come punto comune l'essere “diversi” dall'estetica dominante.

Questo è stato il mio punto di partenza, il voler mostrare al mondo che gli uomini di solito maltrattati da tutti i media hanno una bellezza e una sensualità che è pari, se non superiore, a tutti quei modelli che ci vengono proposti dal cinema, dalla tv, dalla pubblicità.

La molla credo sia la volontà di andare contro questo concetto di bellezza dominante, che è imposto, non mi appartiene.

E quindi è forse un modo di combattere per il mio ideale di bellezza.

Io trovo bellissime delle persone che altri definiscono, con grande cattiveria, orrende.


Prima, quando ti ho chiesto della tipologia maschile, ho notato che non la qualifichi mai, non dici mai “orsi” per esempio.

Come mai?

Accetteresti “fotografo degli orsi” come descrizione della tua attività?

“Fotografo di orsi” mi comincia a stare un po’ stretta come definizione.

Non rinnego nulla, ma credo di aver superato quella fase.

In effetti ho un concetto molto flessibile di questa tipologia fisica.

Ci sono persone molto grosse che mi piacciono, così come ce ne sono altre dal fisico meno prorompente che hanno un loro fascino.

Il viso è una cosa molto importante.

Poi ho alcune preferenze, per esempio mi piacciono molto i rossi, le pelli chiare, mi piacciono molto gli affascinanti uomini spagnoli, trovo bellissimi gli americani, così come i nord europei, ma sono affascinato dalla bellezza della pelle nera e dalla delicatezza della bellezza degli orientali.

Voglio però chiarire una cosa, il concetto di orso mi piaceva molto quando è nato, verso la fine degli anni ’80, quando mi è arrivata la prima rivista bear dall'America... quello mi piaceva moltissimo. Col tempo però si è svilito un po’ tutto: quello che era nato come una sorta di gruppo contro il modello gay dominante, glamour e fashion, oggi ha riproposto esattamente gli stessi difetti.

Per questo non faccio mai riferimento agli orsi, ai chubby, ecc., perché non voglio catalogare a tutti i costi.

A me interessano le persone.


Come sono i rapporti con i modelli?

I soggetti che ho fotografato sono difficili, non immagini quanto!

Il mio “vederli belli” si scontra con cattivi rapporti con il proprio fisico, a volte anche con sé stessi. Il 99 % delle persone hanno un livello di accettazione di sé bassissimo, raramente mi è capitato qualcuno che fosse pienamente consapevole e piacevolmente d’accordo con il suo essere “diverso tra i diversi”.

Molti non si accettano, vorrebbero essere totalmente diversi.

Una volta arrivò un ragazzo veramente bello, giovane, moro, occhi azzurri, peloso, cicciotto, veramente molto bello e simpatico.

Si presenta con una foto di Cameron Diaz, me la dà e mi dice: “Fammi così”!

Gli ho risposto: “Amore mio, anche Photoshop ha i suoi limiti”!

Questo è uno dei problemi con cui mi vado a scontrare: da un lato accettare di farsi fotografare, dall’altro la non accettazione di sé stessi.

C’è anche molta indecisione, vorrei, non vorrei...

ti portano scuse tipo “il mio ragazzo non vuole”, che è veramente la cosa più stupida che si possa dire.

Col tempo ti ci abitui.

Oggi mi presento, faccio vedere il mio sito e chiedo al soggetto se è interessato, se non lo è pazienza!

Adesso la prendo molto meglio.

Un tempo ci rimanevo male, specie con quelli che prendono appuntamento e poi non si presentano, senza neanche mandarti un sms per avvisarti.

Parlando con altri fotografi ho però saputo che è una cosa comune, succede a tutti.

Il mio sogno è trovare dei bellissimi ciccioni esibizionisti, che non ho bisogno di mettere a loro agio... per fortuna ci sono stati anche quelli!

Un altro problema è che, non essendo modelli professionisti, molti si irrigidiscono davanti all’obbiettivo, cercando di essere quello che non sono.

Davanti a una macchina fotografica vogliono essere al meglio secondo l’idea che si sono fatti di sé stessi.

Così mi ritrovo con gente che si irrigidisce a livello di un ciocco di legno, tipo Pinocchio!

Ricordo un ragazzo spagnolo che a momenti sentivi lo scricchiolio del legno!

Poi per fortuna, chiacchierando, scherzando, si è tranquillizzato, si è sciolto, e alla fine sono venute delle gran belle foto.


Quanto è importante l’uso di Photoshop nelle tue immagini?

Come lo usi?

Per me Photoshop è un aiuto ma non è determinante, nel senso che mi serve per elaborare i file raw che scatto, nei quali cerco di mettere la massima qualità in partenza, in modo da non dover poi fare chissà quali interventi.

Uso Photoshop per togliere brufoli o piccoli segni, ma non intervengo mai pesantemente per cambiare che so, il colore degli occhi, o i capelli.

E anche per editare le foto in bianco e nero oppure in seppia o anche mescolando alcuni colori come duotone.


Dove fai le foto?

Hai uno studio?

Il mio studio... è il salotto di casa mia!

Ho comprato delle attrezzature fotografiche che mi permettono di allestire questo mini set volante. C’è una struttura in metallo che si monta, alla quale puoi attaccare dei teloni, ovviamente le luci, dei fari alogeni a luce continua, pannelli riflettori.

Queste cose le uso d’inverno.

Con la bella stagione preferisco fare foto all’aperto, amo molto la luce naturale.

Certo non sempre è facile trovare posti tranquilli, dove il modello si può spogliare senza problemi!


Come gestisci la luce all’esterno?

Che accorgimenti usi?

Specie se fotografo in posti come spiagge, scelgo sempre la fine del pomeriggio, quando la luce è più radente e brillante.

Se lo fai prima la luce è a picco, gli occhi vengono infossati e spesso chiusi.

Quindi scelgo sempre la fine del pomeriggio.

Quando è possibile mi porto dei pannelli riflettori, se qualcuno mi aiuta a tenerli in posizione!


Come crei le tue composizioni?

Segui qualche regola?

No, non ci sono regole.

Quando vado a fotografare parto da una serie di idee che mi sono fatto sulla persona, che poi può darsi non si possano realizzare.

C’è un’idea di base, ma poi si vede al momento.

Le pose possono essere ispirate ad altre foto, a riviste porno o a quadri.

Tante volte ho fatto posare degli amici su una poltrona, e non è altro che “L’amor profano” di Caravaggio.

Altre volte sono partito dal “Pensatore” di Rodin, o da opere di altri maestri della pittura e della scultura.

Ho anche rifatto delle foto che avevo visto.

Questo lo fai soprattutto all’inizio, quando non hai ben chiara la tua strada, il tuo stile.

Poi di queste cose ti restano delle tracce, delle idee, ma le rielabori a tuo uso... e abuso!

Per quanto riguarda la composizione, amo molto far posare la persona su uno sfondo nero, perché isola e mette bene in evidenza il suo corpo.

Mi piacciono anche molto le foto in cui si vede la contestualizzazione: una casa, un salotto, una camera da letto.

Il più delle volte cerco di isolare il soggetto su un fondo chiaro oppure scuro, in modo che l’attenzione sia concentrata su di lui.

Non uso quasi mai il cavalletto, ma mi muovo tutto intorno al soggetto, cercando di prenderlo da più posizioni, per fare uscire degli aspetti particolari che non sempre sono immediatamente visibili.


La cosa più bizzarra, o scioccante, che ti è capitata fotografando.

Non c’è niente che mi possa scioccare!

Cose bizzarre... beh, tante... ad esempio un tipo che voleva farsi fotografare e mi aveva mandato delle foto-esempio, “dimenticandosi” di dirmi che erano di circa 15-20 anni prima!

Per cui quando ho aperto la porta mi sono trovato davanti questo simpatico... vecchietto, che era un pallido ricordo degli scatti che mi aveva mandato!

Passata la sorpresa, ho cercato di fare delle foto lo stesso, ma il risultato è stato un disastro!


Hai contatti con altri fotografi di nudo maschile?

Come viene valutato in genere il tuo lavoro?

Si, ho contatti quasi quotidiani con vari fotografi che sono sul sito Flickr.com, specialmente quelli specializzati in ritrattistica e nudi maschili. La valutazione dovresti chiederla a loro! [ride, NdR]

Mi sembra che ci sia un interessante scambio di idee e di punti di vista.

E con alcuni si è creata davvero una buona amicizia, alimentata anche da incontri di persona, oltre che ai vari scambi di mail e messaggi.


È possibile acquistare le tue foto?

Hai in programma un tuo libro fotografico?

Per adesso le foto non sono in vendita.

Ancora non ci ho mai pensato, nonostante le varie cazzate che ho sentito in giro sul fatto che avessi un fiorente mercato di vendita di foto su internet.

Non so... forse lo farò, forse no.

Circa il libro, è un'idea che invece ho in mente da tanto. Forse attraverso Blurb.com o un sito simile potrei anche auto-produrmelo.

Vediamo...

Magari dopo la prossima mostra qualcuno si offrirà di stamparmelo! [sorride, NdR]

Sognare costa così poco...

Using Format